Le emozioni della pallanuoto negli occhi degli atleti di Melzo, Lecco e Sesto San Giovanni

Sabato scorso a rendere ancora più speciale la partita di serie A1 maschile tra Pallanuoto Banco BPM Sport Management e SS Lazio Nuoto ci hanno pensato i ragazzi dei centri natatori di Lecco, Sesto San Giovanni e Melzo che sono stati parti integrante del riuscitissimo evento culminato con il successo della prima squadra sulla formazione laziale.

Erano tantissimi gli atleti dei centri Sport Management che, insieme a genitori e accompagnatori, hanno dato vita ad una vera e propria festa della pallanuoto. Grandi sono stati anche le emozioni da parte di tutti i pallanuotisti che hanno avuto modo di sfilare prima dell’inizio della gara di A1, degli atleti più piccoli che hanno accompagnato a bordo vasca i Mastini della prima squadra, e degli under 17 che hanno dato vita a un’amichevole vinta 8-1 dalla sezione di Melzo su quella di Lecco.

Il commento ricorrente di tutti i partecipanti è stato quello di poter giocare per una volta: “Come se fossimo a San Siro” (il campo di calcio dove giocano le loro gare casalinghe Inter e Milan). Un evento nato dalla volontà della Divisione Sport di Sport Management e da quella di Raffaella Pizzo (nata e cresciuta in una famiglia di pallanuotisti) collaboratrice della società e tecnico della formazione di Melzo: “Tutti hanno mostrato grande abilità nel giocare in un campo di 30 metri e non da 25 metri dove solitamente si gioca. Sicuramente  c’è stata anche la spinta dell’emozione, ma i ragazzi hanno dimostrato grandi possibilità e capacità tecniche nonostante si allenino in impianti più piccoli. C’è ancora da lavorare su aspetti tecnici particolari come quelli riguardanti situazioni di gioco di inferiorità numerica e centro boa ma abbiamo la massima fiducia nella loro capacità di apprendimento e di velocità di esecuzione. Per tutti comunque è stata una bellissima emozione e penso che i ragazzi difficilmente dimenticheranno una giornata così ricca di fascino”.

Questo slideshow richiede JavaScript.